Pamela

La prima parte del romanzo, ispirata a una raccolta di lettere-modello per il popolo compilate dallo stesso Richardson, fu scritta nello spazio di soli due mesi e pubblicata anonima a Londra in due volumi nel 1740. La seconda parte, anch'essa in due volumi, apparve un anno dopo per sostituire e screditare parodie e contraffazioni. Di grande importanza nella storia della letteratura inglese per la nuova consapevolezza della complessitá della personalitá umana e l'immediatezza della forma epistolare, molto imitata, Pamela costituisce il primo esempio di quello che può essere chiamato il romanzo moderno inglese di carattere.La protagonista, Pamela Andrews, è all'inizio dell'opera una cameriera di quindici anni la cui padrona, una nobile signora che si era presa cura di lei con grande bontá, è appena morta affidandola al figlio, il signor B. Il giovane si rivela presto crudele e dissoluto e tenta di sedurre la fanciulla, la quale respinge tutti i tentativi del padrone e resiste a blandizie e maltrattamenti, conservandosi pura ed innocente e mandando minuziosi resoconti degli avvenimenti ai genitori, poveri ma onesti contadini per i quali essa nutre grandissimo affetto. La protagonista ottiene finalmente di tornare a casa, ma mentre è in viaggio il padrone la fa rapire e portare nel palazzo che possiede nel Lincolnshire, dove la giovane viene affidata alla governante Mrs. Jewkes, che la maltratta. Il signor B. giunge nel palazzo e le propone di diventare la propria amante, offrendo in cambio denaro e ricchi doni per lei e la sua famiglia. Pamela rifiuta indignata ed ottiene di nuovo dall'adirato padrone il permesso di tornare dai genitori. Prima però di raggiungere il proprio villaggio, la fanciulla riceve una lettera in cui il signor B., avendo letto il diario di lei, si dichiara pentito, rivela la profonditá dei propri sentimenti e le chiede di ritornare. Pamela, che da sempre ha inconsciamente provato amore per il proprio persecutore, dimenticati orgoglio e prudenza, ritorna da lui, rendendo possibile la rigenerazione morale dell'uomo, che le chiede di sposarlo. Il matrimonio viene poco dopo celebrato nella cappella del palazzo e il signor B. si rivela un tenero anche se esigente marito (le impartisce infatti chiare lezioni sui suoi doveri, che essa trascrive diligentemente nel suo diario). La giovane sposa è un modello di modestia e di virtù, e incontra grandissimo favore presso tutti i vicini, ma l'altezzosa Lady Davers, sorella del signor B., non può perdonare al fratello di aver scelto per moglie una cameriera, e arriva furente al palazzo per cacciare quella che crede una giovane perduta.Pamela sopporta pazientemente tutti i maltrattamenti di Lady Davers e riesce infine a convincerla dei propri meriti, rivelando in seguito la propria bontá anche nei riguardi di una bambina che il marito ha avuto da una relazione giovanile.La seconda parte del romanzo, assai meno interessante, costituisce un manuale sul matrimonio, che descrive la vita della coppia ideale e la sua felicitá, fornendo esempi della saggezza di Pamela nelle più diverse occasioni.