Sterne, Laurence

Romanziere inglese (Clonmel, Irlanda,1713 - Londra1768). Figlio di un ufficiale subalterno e di una irlandese, Sterne nacque in un accampamento militare. Non ricco, ma imparentato con personaggi influenti nell'ambiente ecclesiastico (il bisnonno era stato vescovo anglicano), Sterne poté compiere buoni studi e laurearsi a Cambridge; come era inevitabile che in quei tempi facesse un giovane colto, educato e giustamente ambizioso, egli scelse di far parte della chiesa, e infatti nel 1737 ricevette gli Ordini, l'anno seguente venne nominato vicario a Sutton-in-the-Forest, nel 1741 ottenne una prebenda presso la cattedrale di York e prese moglie.
Per una ventina d'anni Sterne condusse la vita tranquilla e sicura, tutto sommato, dell'ecclesiastico anglicano, ma il suo comportamento, anche in un secolo quale il XVIII, dovette più di una volta meravigliare gli abitanti della pacifica località del Yorkshire, la cura delle cui anime gli era stata affidata; non che non adempisse formalmente i doveri del suo ufficio, ché anzi i numerosi sermoni pronunciati, e poi pubblicati sotto il titolo di Sermons of Mr Yorick (I sermoni del signor Yorick, 7 voll., 1760-69), sono ineccepibili, ma le sue preferenze letterarie per certi autori «continentali» (Rabelais, Montaigne, Cervantes) e soprattutto le numerose amicizie femminili, le attenzioni fin troppo numerose prodigate a una giovanetta francese, Chaterine de Fourmentelle, non corrispondevano affatto all'immagine solita del pastore anglicano, e, cosa ancor più grave, inquietavano assai la signora Sterne. Frattanto egli si era andato dedicando alla letteratura: nel 1759 aveva scritto A Political Romance (Un romanzo politico, Torino 1981), una satira dell'ambiente della chiesa locale che fu presto costretto a ritirare dalla circolazione ma che lo convinse a proseguire nell'attività di scrittore. Nel 1760 apparvero i primi due volumi del Tristram Shandy, che ebbero subito un successo strepitoso. Contemporaneamente all'accrescersi della sua rinomanza, anche la vita di Sterne andava facendosi sempre più agitata: la moglie finì col perdere la ragione e dovette poi venire rinchiusa; l'educazione della figlia costituiva un grave problema, i debiti si moltiplicavano, la salute ne soffriva. A due riprese, pensando di riacquistare le forze, Sterne compì viaggi in Francia e in Italia (nel 1762-64 e nel 1765-66); anche a Parigi, nonostante lo stato di guerra tra Francia e Inghilterra, l'accoglienza fu calorosissima, ed egli poté constatare la popolarità che i suoi personaggi avevano raggiunto. Gli ultimi anni di Sterne non furono tuttavia lieti. La signora Elizabeth Draper, moglie di un funzionario della Compagnia delle Indie, aveva destato in lui un sentimento più forte di quelli che lo avevano preceduto, ma non esitò a imbarcarsi per Bombay con il marito, lasciando il «povero Yorick» tutto solo a meditare sulla realtà della propria condizione: un uomo ormai anziano, ammalato, con molti debiti. Perciò, sebbene la separazione finalmente ottenuta dalla moglie nel 1767 lo avesse reso libero, e la pubblicazione, l'anno successivo, della prima parte del Sentimental Journey avesse ottenuto un successo pari per lo meno a quello del Tristram Shandy, Sterne morì tristemente a Londra, solo e assistito, a quanto pare, da un servitore di una famiglia amica che per caso si trovò presente.