Artaud, Antonin

Poeta, attore, regista e critico francese (Marsiglia1896 - Ivry-sur-Seine1948). Espresse, con il suo teatro, la ribellione contro le convenzioni della società occidentale. Nel 1937 pubblicò un celebre saggio, Il teatro e il suo doppio, teorizzando il «teatro della crudeltà », attraverso il quale lo spettatore, sottoposto a forti esperienze emotive e fisiche provocate dall'attore, dalle luci, dai suoni, avrebbe dovuto far emergere ed espellere le passioni istintive, l'odio e la violenza, nascoste nel profondo.